• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11

Storia

La storia dell'ulivo è molto antica. Essa risale a più di seimila anni fa, quando popolazioni della Siria e della Palestina addomesticarono una pianta selvatica in una specie domestica: l'ulivo. Da qui si diffonde prima nelle colline dell'Anatolia poi alla Grecia, alla Sicilia e alla Spagna, diffondendosi in breve in tutte le civiltà affacciate sul mediterraneo anche grazie ai Fenici che la fecero conoscere ai popoli con cui commerciavano. Furono poi i Romani che diffusero l'ulivo in tutta l'Italia e nelle terre conquistate fino nel sud dell'odierna Francia. Oggi la coltivazione dell'ulivo è concentrata in particolar modo nell'area del mediterraneo dove trova le condizioni migliori di crescita. L'ulivo viene anche coltivato anche negli Stati uniti, Argentina e Messico. La Sicilia può vantare quindi una lunga tradizione nella cultura dell'ulivo che, unito al fatto che qui trova quelle condizioni climatiche e ambientali ottimali per la sua crescita, permette di produrre un olio dalle elevate qualità apprezzato e ricercato in tutto il mondo.

Olio e alimentazione

L'olio da sempre è un alimento base della dieta mediterranea, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per il suo gusto e per il suo apporto calorico bilanciato ed equilibrato. Già dall'antichità greci e romani riconoscevano all'olio di oliva virtù nutrizionali e curative. Oggi, con prove scientifiche alla mano, dietologi e nutrizionisti di tutto il mondo confermano che l'olio di oliva fa bene alla salute ed è un prezioso alleato contro le "malattie del benessere". Questo alimento essendo povero di grassi saturi e grazie all'elevato contenuto di acido oleico, protegge il cuore e le arterie, rallenta l'invecchiamento osseo, previene l'arteriosclerosi e abbassa il livello del colesterolo. Se a queste proprietà aggiungiamo il fatto che è anche una delizia per il nostro palato e che è facilmente digeribile per il nostro organismo possiamo dedurre che è un alimento unico e prezioso che non deve mai mancare della nostra tavola. L'olio extra vergine di oliva è un alimento fondamentale nella dieta di tutti quanti ed è anche una fonte di energia prontamente digeribile e quindi molto indicata nella dieta di chi fa sport. E' ottimo per la dieta dei bambini in quanto è ricco di acido oleico. E' utilissimo in età avanzata in quanto previene l'arteriosclerosi e in quanto limita la perdita di calcio nelle ossa. E' ricco di grassi di origine vegetale molto importanti per dare salute ed energia al nostro organismo. Non ultimo è un piacere per il palato e per il gusto.

Tipologie

In commercio esistono vari tipi di olio. Una cosa importante da sapere è che gli olii vergini d'oliva vengono ottenuti da un frutto, a differenza di tutti gli altri olii che vengono ottenuti da semi. In media ogni 100 Kg di olive si ricavano 15-25 kg di olio d'oliva, 30-40 di olio di sansa e 30-45 di residuo. L'olio vergine d'oliva viene estratto non con mezzi chimici ma con mezzi meccanici, essendo così immediatamente commestibile e mantenendo intatto tutto il suo patrimonio nutrizionale. L'olio viene classificato in base all'acidità ed in base alle sue caratteristiche organoelettiche. Riportiamo le denominazioni e definizioni degli oli di oliva e degli oli di sansa di oliva in base al regolamento CEE:

1) Oli di oliva vergini : oli ottenuti dal frutto dell'olivo soltanto mediante processi meccanici o altri processi fisici, in condizioni, segnatamente termiche, che non causano alterazione dell'olio, e che non hanno subito alcun trattamento diverso dal lavaggio, dalla decantazione, della centrifugazione e dalla filtrazione, esclusi gli oli ottenuti mediante solvente o con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura. Detti oli di oliva sono oggetto della classificazione e delle denominazioni che seguono: olio extra vergine d'oliva : olio di'oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici, la cui acidità espressa in acido oleico non può eccedere 0,8 g per 100 g; olio di oliva vergine: olio d'oliva ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici, la cui acidità espressa in acido oleico non può eccedere 2 g per 100 g; olio di oliva vergine lampante : olio di oliva vergine di gusto imperfetto , la cui acidità espressa in acido oleico è superiore a 2 g per 100 g.

2) Olio di oliva raffinato : olio di oliva ottenuto dalla raffinazione di oli di oliva vergini, la cui acidità espressa in acido oleico non può accedere 0,5 g per 100 g.

3) olio di oliva - composto di oli di oliva raffinati e oli di oliva vergini : olio contenente esclusivamente oli d'oliva che hanno subito un processo di raffinazione e oli ottenuti direttamente dalle olive, la cui acidità espressa in acido oleico non può eccedere 1,5 g per 100 g.

4) Olio di sansa di oliva greggio : olio ottenuto mediante trattamento al solvente di sansa di oliva, esclusi gli oli ottenuti con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura.

5) Olio di sansa di oliva raffinato : olio ottenuto dalla raffinazione di olio greggio di sansa di oliva, la cui acidità espressa in acido oleico non può eccedere 0,5 g per 100 g

6) Olio di sansa di oliva : olio contenente esclusivamente oli derivati dalla lavorazione del prodotto ottenuto dopo l'estrazione dell'olio d'oliva e oli ottenuti direttamente dalle olive, oppure olio contenente esclusivamente oli provenienti dal trattamento della sansa di oliva e oli ottenuti direttamente dalle olive, la cui acidità espressa in acido oleico non può eccedere 1,5 g per 100 g Se vuoi saperne di più sull'olio d'oliva: www.oliveoil.org